Accedi Registrati

Login

Email
Password
Ricordami
  • Home
  • Prestatore
  • Malgrado i timori per la Brexit, il 2018 segna nuovi record per il P2P Lending in UK

Malgrado i timori per la Brexit, il 2018 segna nuovi record per il P2P Lending in UK

Facebook Twitter Linkedin Email Stampa

Il nuovo erogato nel 2018 ha superato i 6 Miliardi di Sterline…

fig 077 01

Le incertezze legate alla Brexit non hanno interrotto, almeno per il 2018, la crescita del P2P Lending nel Regno Unito. Lo mostrano le cifre preliminari diffuse da Brismo (nuovo nome di AltFi Data), la start up londinese specializzata nella raccolta ed elaborazione indipendente di dati.

I nuovi volumi di prestiti erogati nel 2018 mostrano un aumento pari al 20% rispetto al 2017, superando i 6 miliardi di sterline (circa 6.8 miliardi di Euro al cambio attuale).

…Sostenuti dal raddoppio dei volumi nel segmento dello sconto fatture…

Guardando ai singoli segmenti, si nota come il maggiore contributo alla crescita è venuto dal segmento dello sconto fatture (con volumi balzati del 105% rispetto al 2017). Il segmento prestiti alle imprese ha registrato una crescita pari a +21%, mentre decisamente più modesta è risultata la crescita dei volumi erogati per il segmento dei prestiti agli individui (+4%) e per quello dei prestiti legati al finanziamento delle transazioni immobiliari (+2.1%).

Brismo prevede attualmente volumi in crescita del 20% nel 2019…

Brismo stima attualmente che nel 2019 i nuovi volumi originati nel mercato UK dovrebbero raggiungere i 7.3 Miliardi di Sterline (oltre 8 Miliardi di Euro), con una crescita del 20% rispetto al 2018. Tuttavia, la start up londinese mette le mani avanti lanciando qualche messaggio di cautela, alla luce di un quarto trimestre 2018 in crescita rallentata e delle continuate incertezze legate all’economia anglosassone.

fig 077 02

Il confronto aggiornato tra UK e Italia conferma l’enorme potenziale in uno scenario di graduale convergenza

Confrontando i dati di Brismo per il mercato UK con quelli del nostro campione di piattaforme Italiane per le quali P2P Lending Italia pubblica trimestralmente i dati aggregati, si conferma in pieno l’enorme potenziale del mercato Italiano in un’ipotesi di convergenza graduale verso le dimensioni di quello UK (economia comparabile alla nostra per dimensioni).

Nel 2018 i volumi complessivi erogati dalle piattaforme che compongono il nostro campione risultano pari a circa 11% del valore complessivo del mercato UK (13% depurando i dati UK del segmento prestiti immobiliari che da noi non esiste al momento). Nel 2017 l’Italia era appena il 6% del mercato UK. Quindi, malgrado il grande balzo dei volumi Italiani nel 2018, il potenziale è ancora gigantesco.

Analizzando il gap UK-Italia per segmento si scopre che, mentre i volumi Italiani nello sconto fatture sono arrivati al 49% di quelli UK, il divario è ancora gigantesco nei segmenti prestiti alle persone (Italia è pari al 5% del mercato UK) e in quello dei prestiti a medio termine alle imprese (volumi Italiani pari ad appena il 2% di quelli UK).

Sulla base dei dati di erogazione degli ultimi trimestri del 2018 da parte delle principali piattaforme Italiane e del crescente interesse da parte degli investitori istituzionali, la nostra attuale previsione è che il segmento sconto fatture chiuderà ulteriormente il gap rispetto al mercato UK durante il 2019.

La strada da colmare è invece ancora lunga nel segmento prestiti alle imprese, dove ad oggi l’Italia sconta sia la mancanza di un “campione nazionale e paneuropeo” come Funding Circle (ma anche come October in Francia), sia il ritardo nel supporto da parte di investitori istituzionali domestici o sovranazionali (es. BEI).


ARCHIVIO

Tutti gli articoli




Area utenti