Accedi Registrati

Login

Email
Password
Ricordami
  • Home
  • Prestatore
  • Younited Credit raggiunge i 100 milioni di erogato in Italia

Younited Credit raggiunge i 100 milioni di erogato in Italia

Facebook Twitter Linkedin Email Stampa

A esattamente due anni di distanza abbiamo il piacere di ritrovare Tommaso Gamaleri, CEO di Younited Credit, la piattaforma leader in Italia nei Prestiti Personali.

Dopo quasi 24 mesi dalla prima intervista ci ritroviamo per parlare del traguardo di 100 milioni di euro di prestiti erogati dall’arrivo nel Bel Paese.

Un dato ragguardevole nell’ambito del panorama del Fintech Italiano,  in particolare del segmento che nelle nostre statistiche definiamo come “prestiti personali”. Per dare un’idea: il dato cumulato di intermediato “since inception” delle altre tre piattaforme per le quali P2P Lending Italia ha finora raccolto i dati è infatti prossimo a una cifra equivalente a quella originata dalla sola Younited nei primi ventiquattro mesi di attività.

- Tommaso ben ritrovato, in soli 24 mesi già un traguardo così importante: complimenti! Partiamo snocciolando un po’ di numeri: ci ricordi qualche dato che ci aiuti a capire la composizione di questi 100 milioni di erogato?

Vi ringrazio per i complimenti che vorrei estendere a tutto il team italiano ed internazionale che ci ha dato la possibilità di essere qui a parlare di questo eccezionale traguardo. Tornando ai numeri siamo fierissimi di aver finanziato i progetti di 12.412 italiani che si sono affidati a noi. Il prestito medio è stato di €8,150 con una durata di 48 mesi.

-  Per quanto riguarda la distribuzione geografica di questi prestiti invece...

La distribuzione dei nostri clienti segue un po' quella della popolazione italiana, la maggioranza dei nostri clienti vive nelle grandi città Roma, Milano e Torino. Siamo anche molto attenti alla presenza al sud, la Sicilia infatti è la quinta regione più rappresentata nel nostro portafoglio clienti.

-  Qual è l’identikit del vostro richiedente tipo? E quali sono (sebbene sappiamo siano prestiti NON vincolati) i principali motivi per cui i vostri clienti prendono a prestito?

Il nostro cliente tipo è un uomo tra i 36 ed i 44 anni, impiegato e con un diploma di scuola superiore…vorrei sottolineare però che, nonostante sembri un servizio tipicamente giovanile, abbiamo moltissimi clienti over 60, a dimostrazione che le cose anche in Italia stanno cambiando.

I progetti più ricorrenti riguardano l’acquisto di auto e ristrutturazione della casa.

- Quali sono le ragioni principali per cui i richiedenti scelgono di rivolgersi a voi?

Potrei sottolinearle nei nostri 3 valori: semplicità, convenienza, velocità. Cerchiamo di dare sempre un servizio eccellente a tutti coloro che entrano in contatto col mondo Younited, senza però alzare i prezzi, basta fare un confronto tra i nostri interessi e quelli delle principali banche e finanziarie per capire perché i clienti si affidano a noi per finanziare i loro progetti.

- Oltre all’incredibile lavoro svolto dal vostro team, ci sono anche dinamiche macro-economiche / strutturali legate all’Italia e al settore in cui operate che vi hanno permesso di crescere così rapidamente?

L’Italia è uno dei maggiori mercati per i prestiti in Europa, molte ricerche indicano come molti italiani iniziano online la loro ricerca di un prestito ma ancora pochi “finalizzano”; dobbiamo creare un servizio comodo, conveniente e sicuro a cui l’utente possa affidarsi, lo spazio per crescere c’è.

- Quali sono stati (e sono ad oggi) i canali principali di originazione? In altre parole: da dove arrivano i richiedenti?

In questo momento vengono dalla pubblicità online, soprattutto motori di ricerca e siti di comparazione prestiti, siamo però molto felici che la quota di produzione che proviene da canali brand stia crescendo di mese in mese e che oltre il 20% dei nostri clienti si sia affidato a noi per richiedere un nuovo prestito.

- Ci date qualche dato sul portafoglio italiano di Younited:

  • Qual è il TAEG e il TAN medio dei prestiti erogati?
    Il Tan 4,9% e il Taeg 6,9%
  • Qual è ad oggi di livello di sofferenza a livello di portafoglio? Come lo interpretate rispetto alle vostre attese iniziali?
    Il nostro tasso di default è fortunatamente sotto le nostre stime iniziali e più basso rispetto alla media nazionale, per il nostro modello di business è fondamentale visto che la fiducia dei nostri investitori è fondamentale.

- Infine: superati i 100 milioni di erogato qual è il prossimo traguardo a cui guardate e con quale orizzonte temporale?

Beh il prossimo è raggiungere in due anni il break-even point. Ci siamo molto vicini, il team sta dando il massimo e siamo sicuri che arriverà anche questo traguardo!

Grazie.


ARCHIVIO

Tutti gli articoli




Area utenti