Accedi Registrati

Login

Email
Password
Ricordami
  • Home
  • Prestatore
  • Raffica di annunci: il P2P è sempre più chiaramente una nuova Asset Class per i grandi investitori

Raffica di annunci: il P2P è sempre più chiaramente una nuova Asset Class per i grandi investitori

Facebook Twitter Linkedin Email Stampa

Uno dei principali mantra del nostro blog è la convinzione che il P2P, o Marketplace Lending, o "Lending-based Crowdfunding" (come lo ha definito la Banca d'Italia in una sua recente pubblicazione), è un fenomeno di portata globale che condurrà all'emergere di una nuova asset class per gli investitori privati e istituzionali.

Diversi annunci importanti nelle ultime settimane...

Nelle ultime settimane una serie di annunci importanti hanno supportato la nostra tesi. Quelli di seguito riportati rappresentano una selezione dei più significativi. Vediamoli in dettaglio:

  • A fine gennaio Aegon - uno dei maggiori assicuratori e Asset Manager Europei - ha annunciato un accordo di portata "epocale" per l'industria del P2P europeo. Oltre ad investire 15 milioni per acquisire una partecipazione in Auxmoney - la piattaforma leader nei prestiti al consumo in Germania - Aegon si è impegnata ad investire la cifra "monstre" di 1.5 miliardi di euro in prestiti che verranno originati dal marketplace nei prossimi tre anni.
  • A fine febbraio è stato annunciato un altro accordo "monstre", riguardante il mercato US. Prosper - una delle maggiori piattaforme online statunitensi per i prestiti agli individui - ha annunciato che un consorzio di investitori istituzionali - tra cui spiccano i nomi di Soros e Jefferies - investirà 5 miliardi di dollari nei prossimi due anni nei prestiti da questa originati. 4 grandi banche - Deutsche Bank, Credit Suisse, Goldman Sachs e Morgan Stanley - forniranno una linea di credito fino a un miliardo di dollari per pre-finanziare i prestiti prima che questi vengano girati al consorzio di investitori (cosiddetta "warehouse facility").
  • A inizio marzo Funding Circle - la piattaforma leader nei prestiti alle piccole e medie aziende in UK e Stati Uniti - ha siglato un accordo con CIM (Community Investment Management) un Asset Manager specializzato nell' "impact investing" (investimenti ad alto impatto sociale) che si è impegnato ad investire nei prossimi mesi 100 milioni di dollari in prestiti originati dalla piattaforma.
  • A fine marzo è stata la volta di Lendable, la piattaforma UK a più rapida crescita nel segmento dei prestiti agli individui, che ha annunciato un accordo del valore di 100 milioni di sterline con Waterfall Asset Management, un gestore newyorkese con circa 9 miliardi di dollari di masse gestite.

Negli Stati Uniti, UK, Germania e Francia il P2P è una nuova asset class...

Sulla base di quanto riscontriamo giornalmente, ci aspettiamo nei prossimi mesi diversi altri annunci come quelli sopra commentati.

È ormai sempre più evidente che in alcuni paesi: Stati Uniti, UK, ma ora anche Germania e Francia, il P2P sta emergendo come una nuova asset class per gli investitori istituzionali più sofisticati (il cosiddetto "smart money").

In questi paesi gli ingredienti necessari ci sono ormai tutti, tra cui: track record multi-annuali di performance, piattaforme in grado di generare volumi ricorrenti di ammontare sufficiente, investitori istituzionali desiderosi di diversificare i propri attivi.

Per sperare di assistere a qualcosa di simile in Italia bisognerà pazientare ancora per un po', con la speranza che il nostro paese non perda "il treno" e risulti escluso dalle future allocazioni dei grandi investitori.


ARCHIVIO

Tutti gli articoli




Area utenti